ricetta canederli con spinaci

Canederli con spezzatino

Stampa La Ricetta

So che tanti i canederli li mangiano con burro e salvia o in brodo, ed è stata una scoperta recente per me tra l’altro. In casa mia siamo abituati a mangiarli così, come piatto unico, e li apprezzo davvero tanto. Una piccola nota: io metto ingredienti e quant’altro, ma i canederli si possono fare un po’ con tutto…

L’idea alla base è quella di farli con gli avanzi che si hanno in casa, quindi discostatevi quanto volete da quanto scrivo!

Ad esempio io ho voluto mettere gli spinaci e quindi sono venuti un po’ verdini, si può anche non metterci verdura… Completa fantasia insomma.

INGREDIENI per 4 persone

Per i canederli:

  • 600 grammi di pane raffermo
  • 1 uovo
  • 50 grammi di speck
  • 50 grammi di salame
  • spinaci surgelati
  • mezzo bicchiere di latte
  • farina, sale

Per lo spezzatino:

  • 600-700 grammi di polpa o coscia di vitellone
  • 1 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 carota
  • 1 cucchiaio di salsa di pomodoro
  • un pezzetto di sedano
  • mezzo bicchiere di vino rosso
  • paprika, sale

 

PREPARAZIONE DEI CANEDERLI 

  1. Mettete gli spinaci a scaldarsi in un padellino con un dito d’acqua.
  2. Tagliate la carne a bocconcini.
  3. Tagliate la cipolla, la carota ed il sedano a pezzettini e mettetele a soffriggere in una pentola antiaderente con un filo d’olio.
  4. Appena la cipolla inizierà a dorarsi, aggiungere la carne e lasciarla rosolare bene su ogni lato.
  5. Intanto spezzettate il pane all’interno di una terrina capiente.
  6. A questo punto riempite la terrina d’acqua e lasciate il pane ammollo per qualche minuto, fin quando non inizia ad ammorbidirsi (ma non per troppo, non deve inzupparsi completamente).
  7. Strizzate il pane e lavoratelo un pochino con le mani come se fosse un impasto, spezzando i pezzi più grossi e riducendoli in pezzetti piccoli.
  8. Aggiungete mezzo bicchiere di latte e mescolate bene, per poi lasciare a riposo per qualche minuto.
  9. A questo punto la carne dovrebbe essere ben rosolata, versate mezzo bicchiere di vino rosso nella pentola antiaderente e lasciatelo sfumare per pochi minuti.
  10. Trasferite quindi la carne in una pentola a pressione ed aggiungete acqua tiepida fin a coprirla quasi del tutto ed aggiungete un pizzico di sale.
  11. Lasciare cuocere nella pentola a pressione per mezzora circa.
  12. Mettete sul fuoco una pentola d’acqua, dovrete portarla ad ebollizione.
  13. Tagliate a pezzetti piccoli speck e salame ed aggiungeteli al pane.
  14. Aggiungete anche gli spinaci, che dovrebbero essere pronti, dopo averli strizzati bene e averli tagliati un po’.
  15. Impastate bene il tutto sempre nella terrina.
  16. Rompete l’uovo ed aggiungetelo al pane, e di nuovo incorporatelo bene in tutto l’impasto.
  17. Aggiungere infine due cucchiai di farina e mescolare di nuovo.
  18. Ora con il vostro impasto dovreste riuscire a fare delle palline delle dimensioni che preferite (più le fate grandi, più dovranno cuocere, quindi regolatevi).
  19. Infarinate leggermente le palline e mettetele nell’acqua che sta bollendo, lasciandole cuocere a fuoco medio per circa 15 minuti.
  20. Quando lo spezzatino è pronto, aggiungete un cucchiaio di farina per inspessire il sughetto e mezzo bicchiere d’acqua.
  21. Poi condite a piacimento con paprika ed un cucchiaio di salsa di pomodoro, e lasciate la pentola a pressione senza coperchio su un fuoco basso fin quando non saranno pronti i canederli.
  22. Mettete due canederli in un piatto fondo e versateci sopra lo spezzatino con un po’ di sughetto, pronti da servire.
  23. Potete dargli anche sopra una spolverata di parmigiano grattugiato.

 

Una nota importante sul pane da impiegare: l’ideale è un pane con una bella crosta non troppo bruciata ed una mollica fitta, un po’ come il pugliese ad esempio.

Poi un suggerimento: quando trasferite lo spezzatino dalla pentola antiaderente a quella a pressione, sfruttate la padella sporca per riempire di acqua tiepida la pentola a pressione. In questo modo recupererete un po’ di sughetto che è rimasto lì.
Ho cercato di mettere i procedimenti un po’ mescolati perché se seguite questo ordine riuscirete a far cuocere le cose contemporaneamente riducendo di un bel po’ il tempo necessario.