ricetta salvia fritta

Salvia fritta

Stampa La Ricetta

Se avete una bella pianta di salvia questo è il momento giusto per raccogliere le foglie di salvia rimaste, quelle belle grandi, prima che inizino le gelate.

La panatura, doppia per giunta server per dare consistenza e croccantezza alle foglie, sia per non far assorbire troppo olio alla salvia, mantenendo così intatta la freschezza.

 

INGREDIENTI PER 20 foglie

  • 20 foglie di salvia grandi (circa)
  • 2 uova
  • 150 g di pan grattato
  • olio per friggere q.b.
  • sale q.b.

 

PREPARAZIONE DELLA RICETTA

  1. Lavate con acqua le foglie di salvia e asciugatele delicatamente e con cura: devono essere perfettamente asciutte.
  2. Disponete il pangrattato in un recipiente piatto e largo, poi sbattete le uova con un pizzico di sale.
  3. A questo punto prendete le foglie di salvia e immergete nell’uovo, lasciate che scoli l’eccesso e poi passatele nel pangrattato, dopodiché ripetete l’operazione: passate la salvia già panata di nuovo nell’uovo e poi ancora nel pane grattugiato. Sentirete così l’aumento di consistenza delle foglie.
  4. Mettete in una padella olio sufficiente da permettere il galleggiamento delle foglie e portatelo a temperatura.
  5. Per capire che l’olio è pronto basta fare la prova della goccia: lasciate cadere un goccio di uovo sbattuto e se inizierà a friggere è pronto.
  6. Immergete nell’olio poche foglie alla volta e rigiratele spesso.
  7. Non appena saranno dorate da entrambe le parti toglietele dall’olio e appoggiatele su della carta assorbente per eliminare l’eccesso di olio.
  8. Salate a piacere e servite la salvia calda.
  9. Servitele con dei grissini ai semi di sesamo o con dei tocchetti di pane d’Altamura.
  10. La salvia fritta è perfetta sia come antipasto sia come  finger food per un aperitivo con gli amici: potete abbinarvi un vino bianco fresco o anche una buona birra bionda artigianale.