Come si prepara il tiramisù

Uno dei dolci più buoni e tra i più semplici da fare, c’è il tanto amato tiramisù. Le sue origini geografiche non sono certe, infatti a contendersi l’appartenenza, ci sono diverse regioni di Italia quali la Toscana, il Piemonte ed il Veneto. Questo dolce racchiude in se molte leggende segate specialmente alle sue virtù afrodisiache date, probabilmente dalla presenza del cioccolato e forse anche del caffè. Esso è veramente un dolce da leccarsi i baffi, la sua cremosità e il fondersi di sapori intensi fa si che la mente venga inebriata da gusti e sensazioni spettacolari.

Appena si assaggia una fetta di questo fantastico dolce non si vorrebbe mai smettere di mangiarlo. Secondo la variante ufficiale, convenuta dalla maggior parte delle persone, il tiramisù nasce a Siena, nel XVII secolo ed è stato preparato, per la prima volta, in onore del granduca di Toscana Cosimo de’ Medici, che si dice fosse molto goloso di dolciumi. I pasticceri, infatti, avevano l’intenzione di cucinare un dolce che rappresentasse la natura del duca che si presentava come invitante ma non troppo elaborato, cioè qualcosa di eccezionale ma costituito da ingredienti semplici.

Ed è proprio in questo modo che nacque il tiramisù, il cui nome autoctono era zuppa del duca, proprio in onore di Cosimo dei Medici. Per prepararlo, infatti, servono in gradienti molto semplici e genuini quali i savoiardi, le uova, il mascarpone, il caffè e il cacao in polvere. Col tempo sono nate diverse varianti, dipendenti anche dai gusti e dalle preferenze culinarie delle diverse persone. Molti infatti lo preparano utilizzando solo la panna o addirittura la crema chantilly, sostituendola alla crema di mascarpone e uova.

Comunque la sua composizione è semplicissima; basta intingere i savoiardi nel caffè amaro, predisporli in una teglia o un piatto per dolci, coprirli con la crema che preferite e spolverizzare tutto col cioccolato amaro.

Ripete un altro strato seguendo le medesime procedure. Una volta ultimato mettetelo a riposare in frigorifero per almeno due ore prima di servirlo. Sarà un vero successo che accompagnerà le vostre cene con gli amici. Ma questo dolce è ottimo a qualsiasi ora della giornata, è infatti perfetto anche al mattino per darvi la giusta carica ed iniziare bene la giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *