Come fare la pasta brisé

La pasta brisé è un must della cucina francese, ma non solo, e si usa per preparare una grande varietà di delizie, sia dolc2821i che salate. Stiamo parlando della famosissima pasta brisè, elemento chiave della pasticceria d’oltralpe, che affonda le sue origini nella storia. Cugina dell’altrettanto famosa pasta sfoglia, quella brisè è meno complicata nella preparazione e può essere utilizzata per arricchire il proprio menù di innumerevoli e prelibate vivande. A differenza di un’altra sua parente stretta, la pasta frolla, non prevede l’utilizzo di uova nell’impasto, ed è proprio questo che determina la sua leggerezza e la sua versatilità.

Essa, ad esempio, è l’elemento essenziale del dolce francese per eccellenza, la “Tarte Tatin”, ma è ugualmente indispensabile come base sia per le velocissime e golosissime quiche, come la rinomata “Quiche Lorraine”, sia per torte alla crema o alla frutta, o addirittura per antipasti quali tartellette e barchette. Una ricetta semplice rapida ed economica. Vediamo quindi come fare la pasta brisè.

INGREDIENTI

farina

burro

acqua

sale

PREPARAZIONE

Bisogna versare la farina su di un piano da lavoro e disporla a mo’ di fontana, tagliare il burro a pezzettini e disporlo al suo interno, aggiungere un pizzico di sale, quindi impastare tutti gli ingredienti in modo rapido e veloce, fino ad ottenere un composto sabbioso e grumoso, che assumerà questo aspetto a causa del burro non discioltosi perfettamente.

Dopodiché bisogna aggiungere l’acqua, versandone un cucchiaio alla volta, fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo, dalla consistenza elastica, che andrà poi avvolto in una pellicola trasparente per alimenti e riposto in frigo a riposare per almeno mezz’ora. Tolto dal frigo l’impasto è pronto all’uso! Potete ora sbizzarrirvi nella creazione di piatti leggeri e gustosi, che doneranno allegria e giovialità ai vostri pranzi o cene.

Un accorgimento essenziale per un’ottima riuscita è la temperatura degli ingredienti: l’acqua e il burro devono essere freddissimi per evitare che si sviluppi il glutine e la pasta anziché leggera e friabile diventi pesante ed elastica, e perda così le sue caratteristiche peculiari. E dopo quest’ultimo consiglio non ci resta che augurarvi buon’appetito!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *