Frullato solidale al Ferrero Rocher

È noto a tutti che l’assenza di sonno comporti una pluralità di seri rischi per la salute che si configurano in un modello a cascata.

Il primo è senza dubbio quello di ritrovarsi dalla parte strana di YouTube a visionare filmati dai contenuti stranianti per un tempo non quantificabile, senza alcuna possibilità di agire sul corso degli eventi. In simili circostanze non è raro abbandonarsi a un certo grado di avventatezza e improvvidi click su video correlati, finendo trascinati da una spirale discendente nel buio abisso degli spot pubblicitari orribili.

Il secondo pericolo che ne deriva è quello di trovarsi di fronte alla chiamata mistica a intraprendere la carriera di interpreti canori di jingle, accantonando ogni altro progetto di realizzazione personale in favore della divulgazione in falsetto di messaggi subliminali sui mandarini e la carta igienica.

pioggia di mandarini

Persistendo nella riproduzione compulsiva di video di pubblicità mal realizzate si incorre, poi, in un 98,3% dei casi nella possibilità di provare l’impellenza di ripercorrere la storia delle comunicazioni promozionali legate al Ferrero Rocher. Questo comportamento fruitivo, spesso ingenuamente giustificato da una spontanea simpatia per la figura del maggiordomo Ambrogio, deriva in realtà da un’equazione matematica all’interno della quale Ambrogio non è che una variabile.

Sono infatti il pessimo doppiaggio intriso di toni vagamente erotici e la presenza di figure autorevoli quali contesse e non meglio precisati ambasciatori a determinare il successo della pratica della persuasione occulta, provocando nello spettatore la Sindrome del Ferrero Rocher. Questa patologia è in grado di condizionare la vita di chi ne è affetto portandolo a sovrastimare il livello di impressionabilità altrui, specialmente nei confronti di articoli ordinari e di largo consumo dal packaging lussuoso – che di norma lasciano indifferenti i soggetti non ammalati.

Come nel caso degli invitati al ricevimento dell’ambasciatore, la sindrome può avere – nei pazienti più gravi – effetti collaterali quali disturbi della pronuncia ed episodi di delirio e cleptomania. La FRS non è una condizione da sottovalutare: con questo post ci prefiggiamo l’obiettivo di rompere il prolungato silenzio dell’opinione pubblica sul tema.


Frullato alla nocciola e cacao


rocher ingredients

Ingredienti

70 ml latte vegetale

1/3 banana surgelata

1/2 cucchiaino estratto di vaniglia

45 gr nocciole tostate e pelate

8 gr polvere di cacao non dolcificata

1 cucchiaio sciroppo di agave

1 pizzico di sale

6 cubetti di ghiaccio



rocher mod1

Procedimento

Per sensibilizzare i lettori di Pick and Mix abbiamo pensato a un frullato che costituisca un’alternativa al consumo di Ferrero Rocher. 

Mettete tutti gli ingredienti nel frullatore, partendo da quelli liquidi. Azionate il mixer e, una volta raggiunta una consistenza cremosa, trasferite in un bicchiere. Se siete affetti dalla sindrome non trattenetevi dall’impulso di decorare a piacimento il recipiente o adagiarlo su di un centrino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *