Arancini di riso

L’Arancino è una specialità tipica della cucina siciliana ed è una palla di riso fritta, del diametro di 8 – 10 cm, farcita con ragù, mozzarella e piselli.
Il suo nome deriva dalla forma e dal colore simile ad un’arancia. Le forme, le dimensioni e i ripieni dell’arancino di riso variano spesso di città in città; nella parte orientale dell’isola, ad esempio, essi possono assumere anche una forma conica.

Si presume che l’arancino venne importato in Sicilia dagli arabi, che durante i pasti consumavano abitualmente riso e zafferano condito con erbe e carne. L’invenzione della panatura invece viene spesso fatta risalire alla corte di Federico II, quando si cercava un espediente per il trasporto della pietanza in viaggi e battute di caccia. Una ricorrenza palermitana, durante la quale ancora oggi è tradizione mangiare arancini, è il 13 dicembre in occasione della festa di Santa Lucia.

Ricetta arancini di riso per 15 persone

INGREDIENTI

500 gr. di riso (arborio o roma)

1 busta piccola di zafferano

formaggio

350 gr. di carne trita mista (anche con maiale)

150 gr. di piselli piccoli

200 gr. di salsa di pomodoro

150 gr. di formaggio grattugiato (meglio se caciocavallo)

3 uova

200 gr. di farina

400 gr. di pangrattato

sale

pepe

PREPARAZIONE

Occorre in primis lessare il riso in una pentola d’acqua salata, aggiungendo durante l’ebollizione la bustina di zafferano. Quando il riso sarà pronto e giallo, grazie allo zafferano, aggiungere due o tre cucchiai d’olio per evitare che possa risultare troppo colloso a causa dell’amido e successivamente il caciocavallo grattugiato; girare il tutto con un cucchiaio e lasciare riposare mentre si prepara il ripieno.

Soffriggere in un tegame la carne trita, aggiungervi sale e pepe, unire la salsa di pomodoro e infine i piselli, precedentemente sbollentati in acqua salata. Lasciare cuocere per almeno 10 – 15 minuti. Successivamente prendere il riso e farne delle palle della dimensione di una piccola arancia; con un cucchiaio inserire, nella parte più centrale dell’arancino, il ripieno di carne al sugo con i piselli; ricoprire poi con un po’ di riso e formare una palla a forma di arancia.

Passare gli arancini nella farina e successivamente nell’uovo sbattuto; passare poi nel pangrattato e friggere accuratamente in olio d’oliva. Si consiglia di gustare gli arancini caldi, per assaporare il formaggio che fonde rendendoli ancora più squisiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *