Anatra all’arancia

L’anatra all’arancia, non è una tipica ricetta francese; in realtà questo piatto ha origine nella cucina toscana di Firenze.

Chiamato “paparo alla melarancia”, questa pietanza venne esportata in Francia da Caterina de Medici quando andò in sposa a Enrico II di Francia.

Una volta preparata l’anatra all’arancia, si consiglia di decorare il piatto da portata con delle fettine e degli spicchi d’arancia. Il contorno più adatto a questa portata invece è una purea di patate o delle patate al forno unite a della verdura.

INGREDIENTI per 6 persone

1 anatra di 1,8 kg circa senza interiora

4 arance

1 limone

50 g di zucchero
3 cucchiai d’aceto di vino rosso

1/2 dl di vino rosso

1 cucchiaino colmo di fecola di mais o di patate

sale

pepe

PREPARAZIONE

Salare e pepare l’anatra all’interno e all’esterno; metterla in una pirofila e cuocerla nel forno preriscaldato a 220° per 1 ora. Se dovesse scurire troppo, abbassare la temperatura a 190°; durante la cottura, irrorarla spesso con il suo grasso. Con l’aiuto di un pelapatate, munirsi della scorza di due arance, da dividere in striscioline sottilissime; scottarle poi per 1 minuto in acqua bollente.

Pelare due arance e tagliarle a fette; spremere il limone e le altre due arance e successivamente raccogliere i succhi e l’aceto in una ciotola, unendovi le scorzette. Togliere l’anatra dalla pirofila e inclinarla in modo tale da eliminare il grasso fuso, contenente al suo interno. Successivamente sgrassare il suo sugo e versarlo in un pentolino, da portare a ebollizione; mescolare con il vino e abbassare la fiamma al minimo.

Inserire lo zucchero in un altro pentolino, assieme a 2 gocce di succo di limone, e lasciare caramellare a fuoco medio; riunire i due liquidi in una pentola e unirvi le fette d’ arancia. Lasciate bollire per 1 minuto, e unire poi la fecola diluita con un cucchiaio di acqua. Disporre l’anatra su un piatto di portata caldo e distribuire intorno scorzette e fettine d’arancia. Servire la salsa ben calda a parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *